La passione prima di tutto

Con il blog mi sono liberata da grandi fantasmi: mi ha dato la forza di raccontare il mio passato.
Con il blog mi sono innamorata e alla fine mi sono anche sposata.
Poi con il blog ho trascorso gli interminabili mesi della mia gravidanza, sola in casa e sdraiata a letto, con tanta voglia di progettare il futuro.
Con il blog ho creato un lavoro per me e per la mia famiglia, e adesso posso fare ciò che amo fare.

Dentro il blog ho trovato tanti tipi di Amore: l’Amore vero quello per la vita, l’Amore per mia figlia, l’Amore per gli amici… e le confidenze tra amiche, pianti risate preoccupazioni, confessioni, critiche, applausi, nottate insonni e milioni di parole.

Il blog mi ha tolto centinaia di ore di sonno. Ma mi ha dato la felicità di vivere attraverso le mie mani.

Ed è solo con questa passione, con questa mancanza di sonno, con la moleskine sul comodino per prendere appunti alle tre del mattino.
E’ solo con la paura, la voglia di fare, solo con il credere assolutamente in ciò che si fa.
E’ solo con fatica, che funziona. SE funziona.

E no, non c’è il modo di far soldi col blog, o di dormire sonni tranquilli, o di avere uno sponsor che ti sistemi la vita.
Non c’è il modo di migliorare le performance di un sito, potenziarne l’indicizzazione, validare il codice, trovare una strategia comunicativa, se mancano fatica e passione.
Non c’è SEO che tenga, se non ci sono fatica e passione.

Jolanda, Mammachespasso:

Perché vi racconto questo? Perché ho paura che qui ci stiamo un po’ montando la testa. E’ vero che la rete dà tante opportunità, ma guardate che fare soldi facili non è (quasi) mai possibile. Scriveteli bene i vostri blog, buttateci dentro la vostra passione, quello che siete… Non è detto che subito riusciate a farli rendere, ma alla lunga, perbacco, ci riuscirete. Non tutte certo, molte si perderanno per strada (magari trovando sulla loro via cose più interessanti da fare!). Ma quelle che hanno davvero delle cose da dire in rete, ne sono certa, verranno fuori. Ma non senza sacrifici. Non volendo subito “far soldi” a tutti i costi. Ma impegnandosi a fondo per far capire di cosa si è capaci!

Chi fa il blog non è un intellettuale, ma un manovale. Un artigiano.
Per dar forma alla propria idea servono pazienza, competenza, pratica, fatica, ostinazione, tempo e passione.
Aprire il blog con l’idea di monetizzarlo, è una sconfitta certa: partite con l’idea di scrivere appassionatamente, ridere, creare legami veri, imparare, approfondire, SERVIRE. Il resto viene dopo, se viene.

Il contenuto è il Re.
La passione è Regina.

Da leggere: Sulla passione, A. Farabegoli.