Focus group, forum, partecipazione collettiva

Una delle grosse polemiche dell’anno scorso, quella che forse ha dato il via al dibattito meta-bloggesco, riguardava la partecipazione gratuita a focus group, lavori collettivi, forum, ecc…
Da una parte i puristi: mai offrire il proprio tempo gratis per un’azienda.
Dall’altra parte i possibilisti: se posso dare la mia opinione su un prodotto, perchè l’azienda lo migliori, mi presto volentieri.

In questo campo sono nate delle eccellenze, che hanno creato degli ‘osservatori’ e delle piattaforme di dialogo con gli utenti. Lo scopo è diventato: azienda e persone vengono messe in contatto tra loro; le persone espongono le loro critiche o i loro consigli; l’azienda innesca un processo di miglioramento per seguire le indicazioni date.

Questo cosa presuppone?

  • la disponibilità dell’azienda a cambiare;
  • la disponibilità del blogger nel dare consigli;
  • la presenza di un ‘mediatore’ che guidi il dibattito in modo costruttivo.

Voi cosa pensate di questo argomento?
Siete puriste o possibiliste? Pensate che ci debbano essere dei limiti o delle garanzie per chi collabora gratuitamente? Pensate che l’opinione della persone, in caso di retribuzione, potrebbe essere sfalsata?
Pensate che possa essere utile partecipare a progetti collettivi su un particolare prodotto, sia testandolo che parlandone?

Io nel frattempo invito i veri esperti a parlarne, così ci facciamo anche raccontare di cosa si tratta, e quali sono gli obiettivi.